Home page -Comunicazioni Questo blog non rappresenta un testata giornalistica e non viene aggiornato periodicamente – raccoglie opere © di francesco zaffuto – ed è collegato in rete con i blog:

… il margine


… il margine

Lei scioglieva la natura
scoprendo mille storie e sensi
racchiusi nell’arca del suo corpo
Risvegliava
suadeva
e poi disperdeva
nel sapore della sua minuta lingua
ogni logica e ragione
Il provare
il trovare
l’incontrare
lo sciogliersi
il volare
il sì
il ma
il repentino ancora
il gioco del finire
e del ricominciare
l’affacciarsi dei pensieri
il fuggirli veloci


1977

Immagine: Gustav klimt, Bisce d’acqua II, 1904-1907

Poesia tratta dalla raccolta Scritti selvaggi di Francesco Zaffuto (1976/1978)
Per maggiori informazioni sulla raccolta
clic su raccolta di poesie “Scritti selvaggi”

1 commento:

  1. Mi pare che qui, nel rincorrersi delle parole, sia descritta l'essenza della femminilità. O sbaglio? Perché non è facile capire il messaggio che ci mandano le tue bellissime poesie, caro Francesco.

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.