Home page -Comunicazioni Questo blog non rappresenta un testata giornalistica e non viene aggiornato periodicamente – raccoglie opere © di francesco zaffuto – ed è collegato in rete con i blog:

1978 ad Antonio Saldarelli e Ciro Lettieri

C ronaca – Poco prima del Natale 1978 avevo letto la notizia della morte sul lavoro di due ragazzini napoletani, erano morti con la testa schiacciata. Era come se non fossero passati cento anni, da quando i ragazzini lavoravano nelle miniere di zolfo in Sicilia

1978 ad Antonio Saldarelli e Ciro Lettieri

1978 vigilia di Natali e capu d’annu                 
e puntu e a capu                                                     
a capu di munnu                                                    

Du picciriddi                                                            
bianchi  di nivi aspittavanu                                  
lu virdi di na troffa d’erba                                    
ora durminu cu li testi scacciati                           

Li carusi di la surfara                                           
nun currinu cchiù cu la testa china di petri          
stannu  ‘n capu la luna                                            
talianu luntanu lu munnu ‘ngustiatu                      

1978 vigilia di Natali e capu d’annu                   
e puntu e a capu                                                   
a capu di munnu                                                

 1978 vigilia di Natale e capo d’anno/e punto e a capo/ a capo del mondo
Due ragazzini/ imbiancati dalla neve aspettavano/ il verde di un ciuffo d’erba/ora dormono con le teste scacciate/
 Li carusi della zolfara/non corrono più con la testa piena di pietre/  stanno sopra la luna/ guardano lontano il mondo angustiato
 1978 vigilia di Natale e capo d’anno/e punto e a capo/ a capo del mondo

dicembre 1978

Immagine – foto d’epoca – li carusi che lavoravano nelle zolfare siciliane (trasportavano con delle ceste le pietre di zolfo appena estratte dalla miniera)

Poesia tratta dalla raccolta Scritti selvaggi di Francesco Zaffuto (1976/1978),  chi vuole 
Chi vuole ordinare la raccolta in forma di libro clic su raccolta di poesie “Scritti selvaggi”

2 commenti:

  1. Grazie caro Francesco che ci ricordi di quei tempi , per noi lontani, ma che purtroppo ancora vicini in diverse parti del mondo.
    Ciao e buona giornata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Malinconia di un passato che ritorna senza fine.

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.