Home page -Comunicazioni Questo blog non rappresenta un testata giornalistica e non viene aggiornato periodicamente – raccoglie opere © di francesco zaffuto – ed è collegato in rete con i blog:

Mangia la luna


 Nicuzzu arrancava dietro il passo degli uomini che dopo una dura giornata di lavoro nei campi tornavano in paese, stava appresso all’ultimo della fila che era suo padre. Quel giorno Nicuzzo aveva tanto insistito per recarsi nei campi insieme a lui e il padre per quella volta non era riuscito a dire di no. Per l’intero giorno tagliò curvo con la falce e il bambino per l’intero giorno stette a correre dietro le farfalle e alle serpi e poi scoprì i gelsi neri.
“Pà, si mangianu chissi?”
“Prova”
Nicuzzo provò  a mangiarne uno,  ed anche se il sapore inizialmente era aspro poi spandeva in bocca una piacevole dolcezza. In poco tempo le sue mani divennero di sangue bluastro e anche il suo volto si disegno della strana guerra d’aver mangiato tanti gelsi neri.
“Ora basta,  se no ti viene il mal di stomaco” gridò suo padre.
 Sulla strada del ritorno Nicuzzo si attardò a raccogliere delle nespole amare nonostante il padre lo richiamasse a camminare e a non perdere tempo.
 “Pà, si mangianu chissi”
 “Prova”
Diede un morso ad una delle nespole e:  “ … puu … pu …. su' allappusi”.
“Ora su' allappusi, ma fra un paio di mesi saranno dolcissime”
“Ci voli tiempu!”
“Bravu ci voli tiempu. E ora camina ca si sta faciennu scuru” disse il padre stanco di badare alle soste di Nicuzzu.
“Si  ci fai perdiri tiempu, la prossima vota ti lassu cu tua matri”. 
 Gli uomini che stavano davanti ridevano nel vedere l’ultimo della colonna alle prese con le sciocchezze del suo bambino.
 Intanto imbruniva e una grande luna si alzò dalla collina, piena  e luminosa. E Nicuzzo guardò il suo splendore e gridò: “Pà , si mangia la luna?”
E il padre rispose: “Sì, si mangia, a feddi a feddi”.
 Gli uomini della colonna risero tutti e per tutta la vita Nicuzzo si chiamò  “Mangia la luna”.
Ma Nicuzzo quella sera non disse più niente ed accettò  la spiegazione del padre,  coincise per qualche anno con la sua fantasia;  ne era certo per le diverse fette che andavano mancando come se gli invisibili angeli nel cielo si nutrissero di quel pasto; e poi Dio ogni volta lo ricostruiva per loro.

francesco zaffuto  - “dai racconti di mio padre”

6 commenti:

  1. Pagina di alta poesia in prosa.

    RispondiElimina
  2. Caro Francesco, veramente un racconto di altri tempi!
    Tuo padre aveva lo spunto poetico, racconto bellissimo.
    Buona giornata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. semplicemente bellissima, un piacere leggerla... un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Severa e dolcissima insieme la figura di questo padre e ricco di fantasie il bambino.

    RispondiElimina
  5. È una meraviglia questo tuo racconto...è pieno di suoni, di sapori e di profumi, davvero intenso e nella sua brevità sta l'attimo fuggente del ricordo che non muore. Bellissimo. Grazie per avermi invitato a leggerlo e per le altre cose gentili e molto interessanti che hai scritto da me. Sarà un piacere e un onore. Serena domenica.

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.