Home page -Comunicazioni Questo blog non rappresenta un testata giornalistica e non viene aggiornato periodicamente – raccoglie opere © di francesco zaffuto – ed è collegato in rete con i blog:

COMUNQUE UNA TRAGEDIA

La vicenda della strage della redazione di Charlie Hebdo si è conclusa con la morte dei tre terroristi. Se si considerano i 12 morti della strage, la vigilessa uccisa nelle vicinanze, i 4 ostaggi uccisi nel supermercato e gli stessi terroristi, la conta sale a venti: una tragedia dove la grande vincitrice è la morte.
C’è chi pensa di conoscere paradisi dopo la morte, c’è chi pensa che l’eredità lasciata all’umanità possa realizzare una laica immortalità, al momento con certezza la morte segna l’uguaglianza tra gli uomini. Dalla consapevolezza di questa uguaglianza dovremmo avere cura di ogni parola per capire e capirci.
10/01/15
da Parole nel tempo

La Morte sul Cavallo Bianco, di Gustave Dorè,  ispirato dal passo 6:8 dell'Apocalisse di Giovanni

3 commenti:

  1. Ti riporto il commento che ho lasciato su Arpa Eolica e aggiungo che, nella tragedia, la più grande crudeltà è quella della morte che livella ognuno con assoluta indifferenza e rende inutile e falso il nostro senso di giustizia.

    "Che affascinante la tavola del Doré. Mi ricorda la Domenica del Corriere.
    Si, è proprio insensato lasciare che la morte si prenda la vita grazie alle lotte tra di noi. Eppure le guerre sono iniziate sin dall'alba dei tempi e, in misura diversa esistono anche fra ognuno di noi, piccoli screzi, tensioni, offese che, sì, non portano morte, ma portano comunque sofferenza.
    Non credo che l'uomo sia in grado di eliminare le guerre. Se poi la morte è il passaggio obbligato per raggiungere il paradiso, allora si capisce come dei giovani si possano buttare tra le sue braccia senza un pensiero, o almeno credo."

    RispondiElimina
  2. Caro Francesco, credo che ora tante parole siano inutili...
    Bisogna fare qualcosa nel campo internazionale, penso che sarà difficile ma debbono provarci, per non vivere sempre nel timore di nuovi attentati tragici come quello di Parigi.
    Ciao e buona domenica caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. La morte pone fine alla vita ed è solo questo ad essere uguale per tutti. Ma ci sono morti e morti... per alcuni è il mezzo per essere ricordati e chiamati eroi, per altri è la fine di ogni speranza e causa di dolori infiniti.

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.