Home page -Comunicazioni Questo blog non rappresenta un testata giornalistica e non viene aggiornato periodicamente – raccoglie opere © di francesco zaffuto – ed è collegato in rete con i blog:

casa del diavolo (la)


LA CASA DEL DIAVOLO

Tanti anni
giorni
notti
soprattutto notti
di studio
a bruciare gli occhi
Con la mente e il cuore
colmi di desideri
Con il cranio pieno
di analisi
analisi

Ora so dove sta
di casa il diavolo

Ci giro attorno
senza osare
bussare alla sua porta

So dove sta
di casa il diavolo

Il terrore mi percuote le notti
Il coraggio
la mia primitiva violenza
perduti
negli occhi concilianti
e subalterni
di gente buona
che lavora e suda
per consumare
per tacere
e per essere sfatti dalla Storia
La mia primitiva voglia
di distruggere
per amare
riposta
La mia spada
nascosta sotto il cuscino
non mi fa dormire
e mi punge le orecchie
nella notte
La notte diventa
lunga
Sopportare
tollerare
un’immobilità eterna
Ripetendo nulla
nulla
fino agli spasmi

So dove sta
di casa il diavolo

Distruggerlo
in un a sola notte d’inferno
liberare la Storia
sentire un fragore di sorrisi
librarsi con il vento
girando per il mondo

So dove sta
di casa il diavolo
e diventa un dio
la sua casa
si fa grande
una fabbrica immensa
una catena lubrica
che riproduce il segno
Ogni giorno
i conti con lui
alla cassa
negli occhi gialli del mercante
alla cassa
negli occhi subalterni
e in quelli concilianti
E le lunghe notti
percorse dai dilemmi
diventano quasi un’oasi di pace

Ora mi riposo
e piango
Mi aggrappo
a uno scompigliato groviglio di versi
provo
a disegnare
tratti d’amore scivolando
su volti di madonne
e allargando il canto
tento
di abbracciare ancora una volta
il mondo.

.

dalla raccolta Alla ricerca di un dopo